Nuova Sony A7 III

Ieri abbiamo parlato della new entry di casa Canon e oggi vi racconto qualcosa della nuova Sony α7 III che si presenta con un corpo macchina dalle forme e dai materiali collaudati, fedeli alla lineup α7.  Il sensore è  un CMOS Exmor R™ retroilluminato full-frame capace di 24,2Mp e supporta un ampio range di ISO, da 100 a 51200 estendibili fino a 204800, ma solo per le fotografie, mentre la gamma dinamica è molto ampia – 15 stop con sensibilità basse. Parlando della messa a fuoco, sappiamo che utilizza il sistema proprietario Sony, velocissimo come non mai e può contare su ben 693 punti AF a rilevamento di fase che coprono circa il 93% dell’inquadratura e 425 punti AF a rilevamento di contrasto. A tal proposito dovrò chiedere a qualche esperto fotografo perchè “si ostina ad utilizzare 1 solo punto fisso centrale” (NdR, è sarcasmo puro il mio). Scatto continuo fino a 10 fps e video 4K che copre tutta la larghezza del sensore, sono due caratteristiche ben note ai fedeli del marchio.

Sony a7 III

Le novità quindi sono ricercabili tutte nell’elettronica ed in particolare nel motore di elaborazione BIONZ X™ che ha prestazioni considerevolmente aumentate rispetto al modello precedente. Questo nuovo modello full-frame può offrire anche un formato RAW a 14 bit persino nelle modalità di scatto silenzioso e continuo ed è dotato di un sistema di stabilizzazione dell’immagine ottica a 5 assi, che assicura un vantaggio di 5 step sulla velocità dell’otturatore. L’introduzione del modello di messa a fuoco denominato 4D FOCUS™,  il tracking AF e  la funzionalità Eye AF consente di tenere a fuoco un soggetto anche mentre gira o abbassa la testa e persino quando non è più presente sulla scena perchè, temporaneamente, oscurato da qualcos altro che si frappone tra voi e il soggetto stesso. La selezione del punto di messa a fuoco è migliorata grazie all’introduzione di un multi selettore o joystick che consentirà in maniera rapida di spostarlo all’interno della scena.

La nuova α7 III è anche un’eccellente fotocamera e offre la registrazione video a 4K  sull’intera superficie del sensore di immagine full-frame. In modalità video, la fotocamera utilizza la lettura completa dei pixel senza pixel binning. Questo si traduce in due importanti note: il formato 4K è un vero formato 4K e non UHD e il livello di dettaglio delle immagini risulta completo, profondo e ricco di cromie.

Dovremo attendere fino ad Aprile 2018 per vedere sul mercato questa nuova fotocamera, il cui prezzo ufficiale non è ancora stato reso da Sony, ma sappiamo che sarà disponibile in versione solo corpo o in kit con un ottica.

Licenza Creative Commons

 

Rispondi

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: