I migliori rumors in casa Nikon per il 2019

Il 2018 è stato un anno importante per Nikon perchè oltre alla decisione di abbandonare la serie 1 – primo esordio vero in campo mirrorless – c’è stata l’introduzione sul mercato del nuovo sistema Z con i modelli Z6 e Z7 e l’idea di fondo è che vengano fatti crescere nell’immediato futuro senza però l’accompagnamento di una ipotetica Z8 con sensore più grande, raffica più veloce, doppio slot di memoria e magari con una batteria di grande autonomia e integrata. Forse sarebbe un po’ fuori luogo per l’abito scuro della mirrorless. Seppure c’è qualche fervore e più di un interesse per competere con Sony e la sua serie A9, visto che nel segmento Sony A7 si sono posizionati dignitosamente.

Voci di corridoio vorrebbero però una Nikon pronta per Tokyo 2020 – del resto gioca in casa – e in eventi come questi i fotografi professionali sportivi potrebbero meritarsi un corpo macchina degno della casa nipponica. L’orizzonte quindi per importanti novità è spostato avanti di almeno un anno. Per contro, durante l’ultimo Photokina si è parlato di una possibile Z5 – decisione di migliorare la copertura del segmento appassionati e amatoriali ma non ci è dato sapere se con sensore Full-frame o di misura ridotta per contenere i costi di un pubblico meno esigente.

Nel comparto reflex, dopo l’introduzione della Nikon D850, non c’è stato motivo di proporre qualcosa di così performante, così come non vi è in programma di rilasciare qualsiasi tipo di aggiornamento – cosa che invece è accaduto per i due modelli di fascia entry level, ovvero la D3400 e la D3500. Vi abbiamo già anticipato qualche tempo fa che sui banchi dei laboratori Nikon sta “bollendo” una D760. Modello che dovrebbe quasi certamente avere sensore Full-frame e che si posizionerà con i suoi 36Mpx tra la buona D610 e l’ottima D850. Le voci più informate parlano di un sistema video capace di tirare fuori 4K e forse forse di un sistema di messa a fuoco derivante dal performante modello D5. Sarebbe un bel botto per Nikon, cioè sarebbe capace di coprire un segmento, quello delle Reflex, ancora importante e molto richiesto.

Ormai son passati tre anni dal lancio della gloriosa Nikon D5 e, col suo sensore da 20Mpx inizia ad essere meno interessante, quindi perchè non pensare ad una D6 o, forse meglio ancora, ad una D5x ? Perchè non sfruttare il sensore della D850 con un processore d’immagine nuovo e tutte quelle chicche che un fotografo professionista old-school richiede ormai da tempo ? L’idea, secondo me, era quella di puntare sull’evoluzione del modello Z e forse stanno solo aspettando di capire come si muove il mercato. Credo sia però il caso di restare ben ancorati al corpo reflex e migliorare la raffica di scatti, il comparto delle connessioni remote (Wi-Fi ad esempio), un pacco batteria più efficiente e perchè no, un doppio slot di per memorie XQD o altro di più performante. Le olimpiadi citate prime sono sempre più vicine, ma non si può attendere proprio il 2020 per lanciare sul mercato qualcosa del genere senza aver fatto un minimo di rodaggio sindacale.

Rispondi