Hypocam – L’app per il bianco e nero. Test e recensione

Può succedere, a volte, di essere in un posto e non aver portato la fotocamera – reflex o mirrorless che sia – perchè .. boh, non ci pensa a volte. Eppure la maggior parte degli smartphone sono dotati di ottime fotocamere, con una qualità tale da poter essere presentata al grande pubblico dei nostri social. Ciò per dire che non è un reato dimenticare la fotocamera (Non sono molto sicuro di questa affermazione, ma accettiamola per com’è) a casa e usare quella dello smartphone ed è bene sapere, per questo motivo, che esistono app per la fotografia con caratteristiche interessanti, con funzionalità e modalità di scatto dedicate a uno stile o un genere in particolare. Una di queste è Hypocam, destinata agli amanti del bianco e nero. E’ scaricabile ed utilizzabile gratuitamente senza alcun banner pubblicitario e con 7 preset, ovvero impostazioni automatiche che fungono da filtri. Con 2,99 € si può acquistare il kit completo di filtri ed espandere la propria creatività, anzi – con un set di filtri completo ad un prezzo molto vantaggioso, si può sicuramente trovare quello che meglio si adatta al soggetto o al panorama senza dover fare ulteriori regolazioni a mano.

E’ disponibile solo in lingua inglese e permette di salvare sulla galleria del proprio smartphone le foto scattate. Non mancano le opzioni di condivisione e di aggiunta filtri alle foto scattate con altre app o già presenti negli album del nostro smartphone. Il meglio secondo me lo si ottiene scattando una foto direttamente con Hypocam dato che l’applicazione del filtro avviene in tempo reale e quindi saremo in grado di scegliere quello che ci convince di più vedendone l’effetto applicato direttamente in camera.

Oltre ai preset è possibile lavorare sulla foto regolando i parametri di base (luminosità, contrasto, attivare o disattivare il flash e applicare un filtro neutro per bianco e nero (giallo, arancione, rosso, verde e blu). E’ possibile utilizzare la fotocamera posteriore o quella anteriore allo stesso modo.

La qualità complessiva dello scatto dipende molto dallo smartphone che state utilizzando. Io ho usato uno Xiaomi Redmi 5 Note che non eccelle certo per la sua fotocamera posteriore da 12Mpx – l’ultima foto con lago e montagna molto contrastata evidenzia le limitazioni di questo smartphone), ma ottengo risultati da accettabile a buono anche in condizioni di scarsa luminosità.

In definitiva, per me che amo il bianco e nero, trovo sia molto più performante e soddisfacente usare questa app piuttosto che quella standard del telefono e ottenere da subito un file in bianco e nero. Con pochissimi eruo si possono avere poi molti preset per ampliare la scelta anche se quelli forniti gratuitamente possono bastare per la maggior parte degli utenti.

Rispondi