Gianni Berengo Gardin a Oltreconfine Festival Culturale – La fotografia, un eterno racconto

Giovedì 21 marzo alle 21.00, OltreConfine Festival Culturale ospiterà nella magnifica cornice dell’Accademia Tadini di Lovere, uno dei grandi maestri della fotografia Gianni Berengo Gardin, con l’appuntamento La fotografia, un eterno raccontoA dialogare con l’autore Mosè Franchi, giornalista, critico fotografico e direttore di Image Mag.
L’evento è statao reso possibile grazie alla collaborazione con il Cinefotoclub Pisogne e il contributo di Forni Bendotti.

Gianni Berengo Gardin ha collaborato con le principali testate della stampa nazionale e internazionale, ma si è principalmente dedicato alla realizzazione di libri, con oltre 250 volumi fotografici pubblicati. Ha lavorato a lungo con il Touring Club Italiano, realizzando una serie di volumi sull’Italia e sui Paesi europei, e per le maggiori industrie italiane con reportage e monografie aziendali.
Il suo archivio contiene circa un milione e cinquecentomila fotografie rigorosamente in bianco e nero, che spaziano dal reportage umanista alla descrizione ambientale, dall’indagine sociale alla foto industriale, dall’architettura al paesaggio.
Ha tenuto oltre 350 mostre personali in Italia e all’Estero e le sue immagini fanno parte delle collezioni dei più importanti musei e fondazioni culturali internazionali, tra cui il Moma di New York, la Bibliothèque Nationale de France e la Maison Européenne de la Photographie di Parigi, il Musèe de l’Elysée di Losanna, il Centro de Arte Reina Sofia di Madrid. Tra i premi ricevuti, il Premio Brassai nel 1990, il Leica Oskard Barnack nel 1995 ai Rencontres de la photographie di Arles, nel 2008 a New York il prestigioso Lucie Award alla carriera, nel 2014 il Premio Kapuściński per il reportage e nel 2017 il Leica Hall of Fame Award.

Oltreconfine Festival Culturale - Gianni Berengo Gardin - Locandina dell'evento
Oltreconfine Festival Culturale – Gianni Berengo Gardin – Locandina dell’evento

OltreConfine Festival Culturale si terrà dal 15 marzo al 12 giugno in tredici comuni della provincia di Brescia e Bergamo, in una fascia di territorio tra la Valle Camonica e il Lago d’Iseo. Il festival è ideato e diretto da Stefano Malosso. Quella di quest’anno, sarà un’edizione speciale: nell’anno del 40° anniversario dalla proclamazione del primo sito Unesco italiano, le incisioni rupestri di Naquane nel paese di Capo di Ponte, OltreConfine intreccia la storia e la tradizione con il contemporaneo, creando una rete di incontri in uno spazio al di fuori del tempo, dove trovano congiunzione passato, presente e futuro.

Al suo quinto anno di vita, OltreConfine porta in Valle Camonica tantissimi ospiti, che metteranno in dialogo tra loro i saperi, indagando e approfondendo molteplici aspetti dell’arte e della realtà. Quattro mesi all’insegna delle sette arti, in cui i comuni coinvolti apriranno le loro porte a diverse personalità di spicco. Il festival si è aperto con un appuntamento dedicato al cinema con il giornalista e critico cinematografico Paolo Mereghetti e la proiezione del film Tre Volti del regista iraniano Jafar Panahi. Anche la musica farà da protagonista, grazie al concerto di uno dei compositori più apprezzati sulla scena contemporanea,Teho Teardo.

La letteratura si conferma anche quest’anno come il cuore pulsante di OltreConfine, festival senza età che lascerà la parola a grandi autori contemporanei di diverse generazioni. Le voci saranno quelle di Michele MariSerena DandiniPaolo GiordanoSveva Casati ModignaniMichela MurgiaClaudia DurastantiFrancesco Permunian Michele Vaccari. La letteratura sarà anche in dialogo con la storia, come nell’incontro tra lo scrittore Massimo Carlotto e lo storico Mimmo Franzinelli, o nelle riflessioni del giornalista Federico Rampini, e tra le parole dello scrittore e giornalista Gad Lerner.

Ma OltreConfine non si ferma qui e rivolge uno sguardo anche verso i nuovi linguaggi e le nuove forme d’arte, come nell’incontro con la youtuber Federica Cacciola, alias Martina Dall’Ombra. Tanti appuntamenti come orme disseminate alla scoperta della Bellezza, proprio alla quale è dedicato un incontro speciale con il filosofo Vito Mancuso. Di particolare rilevanza anche la sezione “Aperitivi con l’autore”, uno spazio per le voci nate in provincia, ospitate nei bar e nei locali del territorio, per promuovere un contatto più intimo tra autori e pubblico e dare spazio alla creatività locale come viva testimonianza del territorio.

Proposto dai comuni di Gianico, Pian Camuno, Darfo Boario Terme, Angolo Terme, Pisogne, Rogno e Costa Volpino, OltreConfine vede quest’anno anche l’ingresso dei comuni di Lovere, Malegno, Breno, Paspardo, Cedegolo e Berzo Demo. Il Festival è ideato e diretto da Stefano Malosso. Si rinnova inoltre la collaborazione con l’importante realtà del Musil – Museo dell’Energia Idroelettrica di Cedegolo, oltre alla novità della collaborazione con il festival Abbracciamondo per la serata di Malegno. La realizzazione di questa V edizione di OltreConfine è stata possibile grazie al supporto di una rete di enti territoriali: la Provincia di Brescia, la Comunità Montana di Valle Camonica, il Distretto Culturale di Valle Camonica, il GIC Unesco di Valle Camonica, il Rotary Lovere-Iseo-Breno, la Comunità Montana del Sebino Bresciano. Fondamentale è il sostegno di un gruppo di imprese sensibili al territorio: Valle Camonica Servizi, Forni Bendotti, Iseo Serrature, Iseo Finestre, Damiolini Mobili, Terme di Boario, Credito Cooperativo di Brescia, Litos, Fedabo, Rondini snc e Hotel Sorriso, oltre al Cinefotoclub di Pisogne e al Circolo Fotografico Il Grandangolo.

OltreConfine Festival Culturale - V Edizione
Incontro con Gianni Berengo Gardin
La fotografia, un eterno racconto
Modera: Mosè Franchi
Ulteriori informazioni: OltreConfine Festival Culturale
 
Quando:Giovedì 21 marzo, h. 21.00
Dove: Accademia Tadini -Via Tadini 22, Lovere (BG)

Rispondi