Insta360 ONE – Il nostro test

L’intelletto umano e l’ingegno di per mestiere progetta “gadget” elettronici si spinge sempre un passo oltre la nostra immaginazione – o quasi; perchè questa Insta360 ONE allarga l’orizzonte, nel vero senso del termine, delle possibilità creative di un videomaker e lo fa piuttosto bene. Premetto che il prodotto non è da 10 e Lode ma lo è sicuramente per tantissime ragioni.

Cosa si acquista – Nella confezione della videocamera c’è l’essenziale per utilizzarla: la videocamera, un supporto in plastica, il cavo per ricaricare la batteria intera e poco materiale cartaceo. I materiali scelti sono di buona qualità, così come la sensazione al tatto risulta piacevole. E’ dotata di connettore per il mondo Apple, ma con un accessorio è possibile utilizzarla anche su dispositivi Android. C’è uno slot per schede microSD perchè oltr a lavorare in accoppiata con l’app dedicata su smartphone, può registrare autonomamente. Un solo tasto, un led di stato e nessun display. Essenziale al massimo e va bene così perchè ovviamente il massimo delle prestazioni lo otteniamo utilizzando la videocamera con l’app. Troviamo poi un laccio che apparentemente potrebbe essere simile a qualcsa che serve per appendersela al collo e invece – avvitato il supporto al fondo della videocamera (filettatura standard per accessori quali bastoni selfie, cavalletto, ..) possiamo farla letteralmente roteare come fosse un lazo per effettuare riprese video mozzafiato.

La novità – Con prodotti analoghi, quando si registra un 360° con vista pano o dall’alto, si devono utilizzare player o app dedicate perchè è necessario fare swap con il dito sullo schermo per spostare l’inquadratura o in altri casi ruotare lo schermo dello smartphone per simulare il punto di vista reale al momento della ripresa. Tutto ciò potrebbe essere passato perchè Insta360 è in grado di registrare video a 360° in modalità panoramica o dall’alto (utilizzando un bastone per selfie ad esempio) e solo successivamente con le opzioni di regia e montaggio dell’app trasformiamo il video 360 in un video – concedetemi il termine – bidimensione che può essere visualizzato con un qualsiasi player video in locale (smartphone, tv, pc, ..) e su tutte le piattaforme social dove è possibile caricare video. Questo è sensazione – espande la creatività del videomaker e il risultato finale è davvero interessante. La videocamera è dotata di stabilizzazione software, quindi anche le riprese più dinamiche risultano di buona qualità. Anche se non è di tipo hardware, funziona molto bene e fa il suo dovere. Il supporto contenuto nella confezione serve anche da custodia, ma principalmente se ci mettiamo dentro la videocamera e l’appoggiamo da qualche parte possiamo scattare foto e registrare video in modalità selfie. La cosa interessante è data dal giroscopio della videocamera che permette di tenerla in mano in qualsiasi posizione ed ottenere sempre foto e video in modalità landscape. Si possono registrare video in 4K fino a 30fps che scendono in risoluzione al FullHD quando si aumentano gli fps.

L’app – Ho utilizzato il mio smartphone, uno Xiaomi Redmi Note 5, quindi scaricata e avviata l’app, inizio a capire che sicuramente c’è qualcosa che non va come dovrebbe. In particolare ci sono da dire un paio di cose: l’app che deve registrare un flusso video molto importante richiede un hardware altrettanto importante quindi il funzionamento migliore lo si ottiene con smartphone di ultima generazione e con un processore molto veloce. Ultima nota negativa è l’accoppiamento bluetooth che non sempre riesce al primo colpo ed è stato necessario disattivare e attivare il bluetooth diverse volte e riavviare l’app ogni volta. Questo risulta particolarmente fastidioso specie se c’è “fretta” di iniziare la registrazione perchè l’azione si sta già svolgendo davanti ai nostri occhi e non vorremmo perderci nulla. Indubbiamente l’app non è di facile e immediato utilizzo, occorre prenderci la mano e fare alcuni tap prima di poter iniziare a registrare. Vi basti sapere che ogni volta che si avvia l’app, la prima schermata che propone è del social di Insta360 che mostra video e post di altri utenti. Direi che è decisamente migliorabile e alcuni bug dovranno essere necessariamente corretti. Stesse considerazioni sulle opzioni di montaggio video e applicazione filtri o stickers: alcune cose si riescono a fare intuitivamente mentre altre sono più complesse. Insta 360 ONE - Esportazione videoUtilizzandola con connessione bluetooth non si vede l’anteprima della foto o del video sullo schermo dello smartphone anche se è possibile controllare tutte le funzioni. Poco male perchè in ogni caso foto e riprese saranno sempre a 360° quindi sicuramente includeremo tutto nell’inquadratura. Connessa allo smartphone si può controllare tutto della videocamera e non manca la modalità manuale per regolare ISO, esposizione, bilanciamento del bianco. Si possono applicare filtri live così come è possibile avvisare uno streaming sulle piattaforme social più diffuse. Come si può vedere dallo screen dell’app, il tempo di scaricamento di una registrazione video durata circa 3 minuti è di oltre 10 minuti (tempo complessivo dallo 0% al 100%) – indice che il telefono deve essere davvero prestante.

In definitiva – E’ davvero un prodotto molto valido e interessante ma migliorabile. La qualità foto ad esempio viene meno se apriamo a tutto schermo un immagine e vogliamo ingrandirla, ma non è certo questo l’utilizzo normale che ne faremo. La qualità video è buona, anche in slow motion 120fps mentre le opzioni di montaggio e regia per cambiare la visuale sono il suo punto di forza – e questo si che vale un 10 e Lode. La durata della batteria in modalità registrazione video continua supera di poco i 40 minuti e si ricarica completamente in circa 2 ore – tutto sommato sono valori accettabile per questo dispositivo.

Rispondi