Accessori fotografici – Gli indispensabili per iniziare

Dopo aver comprato la nostra reflex digitale, o la mirrorless, ci siamo fatti tutti cogliere dal grande entusiasmo fotografico e ci siamo sentiti tutti un po’ grandi autori. Poi alcuni abbandonano questa strada e ripongono tutto nell’armadio – peccato – ma per chi si ricorda ancora di caricare la batteria e nel fine settimana va in cerca di scorci, paesaggi, borghi o persone, c’è sempre margine di miglioramento, tecnico e creativo. In questo articolo vi propongo alcuni accessori, non indispensabili, ma rappresentano un ottima scelta per allargare il proprio corredo, senza spendere un patrimonio e che possono suggerire nuovi stili fotografici, ci preparano ad ampliare la nostra fantasia e a sfruttare meglio la nostra macchina fotografica.

Kit filtri fotografici

Quelli da preferire per qualità sono i filtri che si possono avvitare direttamente nella parte frontale dell’obiettivo. Per questo è fondamentale prima di tutto capire qual’è il diametro dell’obiettivo cui vorremo regalare un filtro. Il diametro dell’obiettivo è riportato sempre nella parte interna del tappo anteriore ed è espresso in mm.

  • Kit FIltri UV, CPL e Polarizzatore – Disponibili in moltissimi diametri, è un kit composto da due filtri che si possono usare singolarmente o montati in coppia. Nel kit sono compresi due tappi che fungeranno da custodia e un sacchetto per il trasporto. Filtri di buona qualità anche se non di livello professionale.
  • Kit Filtri UV, CPL ed ND – Questo kit, disponibile per ottiche da 58mm, include anche un paraluce a petali (che spesso manca nei vostri zaini). Ottimo perchè include anche 3 filtri ND a gradazione diversa. Kit comprensivo di custodia per il trasporto. Di qualità inferiore rispetto al precedente, ma è ottimo per iniziare.
  • Hoya UV, CPL e ND – Questo kit di tre filtri si pone a metà strada tra i due proposti qui sopra per fascia di prezzo, ma qualitativamente sono di buona fattura. Sono disponibili con misure da 49mm a 77mm e compreso nel prezzo c’è una custodia protettiva per il trasporto.

Kit pulizia corpo macchina e ottiche

Sono indispensabili e da portare sempre con se per la cura della macchina fotografica, delle ottiche e degli accessori. Non pensiamo assolutamente a comprare kit che includano accessori per pulire il sensore perchè il rischio è quello di danneggiare uno dei componenti più importanti e costosi del corpo macchina. Limitiamoci ad un uso esterno di questi accessori.

  • Kit 13 in 1 – Per non fari mancare nulla, in questo kit avremmo tutto quello che ci serve per rimuovere la polvere, nemica numero uno di tutti i componenti elettronici ed ottici. Compresa un elegante borsa per il trasporto di tutti gli accessori di pulizia e riutilizzabile.
  • Kit pulizia lenti e schermo – Per risparmiare un po’ sul kit di pulizia, potremmo pensare a questa alternativa che fornisce 50 salviettine monouso e 5 panni in microfibra per pulire le lenti e anche gli schermi.

Paraluce

Molti sottovalutano l’importanza di utilizzare il paraluce montato sull’obiettivo, di qualsiasi focale parliamo, ne avremmo bisogno. Non mi dilungo in questo articolo nella spiegazione ma è chiaro che la sua utilità è specifica per evitare che fonti di luce dirette possano “entrare” nell’ottica e quindi creare fastidiosi e, spesso, indesiderate zone di chiarore, aloni e flare in generale.

  • Paraluce in silicone – Esiste in diversi diametri per meglio adattarsi ai nostri obiettivi, è economico ed in silicone. Questo ci aiuterà a ridurre spazio e peso nello zaino fotografico e, a parità di diametro, potremmo regolarlo al meglio in base alla focale dell’ottica.

L’alternativa alla tipologia in silicone è quella in plastica rigida classica. Disponibili per tutti gli obiettivi (anche per il 18-50mm dei kit base) sia originali (Canon, Nicon, Sony, …) sia di marche alternative. La forma del paraluce e l’attacco sono ovviamente identici, cambia la qualità della plastica ovviamente.

Flash esterno

Molti modelli di fotocamere hanno il flash integrato, ovvero un piccolo lampeggiatore posto sulla testa del corpo macchina, quindi potremmo essere indotti a pensare che un flash esterno non mi serva. Vi sbagliate di grosso. Oltre alla potenza maggiore, c’è il vantaggio di poterlo direzionare esattamente dove serve che la luce sia nel momento in cui scattiamo. Ancora una volta vi dico che non è questo l’articolo adatto per spiegarvi nei dettagli cosa vuol dire “… dove serve che la luce sia …”, ma ci arriveremo.

  • Neewer NW-565EX TTL – Questo è uno dei modelli compatibili più acquistato dagli appassionati di fotografia. Vantaggioso per il rapporto qualità prezzo perchè è TTL, ovvero riesce a dialogare con la macchina fotografica dalla quale riceve i comandi per la corretta configurazione (velocità di scatto, potenza di scatto, luce pre-scatto per la riduzione degli occhi rossi, …)

  • Andoer SpeedLite – Non lasciamoci tradire dal nome Speedlite, specie per chi usa Canon. Ovviamente qui siamo agli antipodi dei flash e quasi è il mio preferito (lo uso regolarmente). E’ totalmente manuale e per questo decisamente economico. Consuma pochissime batterie e soprattutto è eccellente per imparare ad usare il flash, per essere totalmente creativi e soprattutto per non investire un budget stratosferico.
  • Yongnuo YN-600EX-RT TTL – Il non plus ultra dei flash tra i modelli compatibili. Per caratteristiche tecniche è molto vicino ai modelli Canon, ma non lo è il prezzo anche se è decisamente più costoso dei precedenti modelli presentati qui. Abbiamo persino la possibilità di aggiornare il firmware con la porta USB. E’ sicuramente un opzione valutabile in alternativa ai modelli professionali di Canon. 

  • Yongnuo YN560 IV – E’ un alternativa al fratello maggiore, appena presentato nelle righe qui sopra e costa decisamente meno. Adatto anche per altri marchi oltre a Canon e può essere utilizzato senza altri accessori come flash secondario proprio in abbinata al precedente. E’ una valida alternativa al primo modello presentato qui.

Chiaramente questi flash sono delle repliche dei modelli di Canon o Nikon, ma costano anche decisamente meno. Prendiamo uno a caso, il secondo dei tre flash che ho e uso regolarmente è il Canon Speedlite 430 EX III in vendita su Amazon a € 277,00. Questo per dire che, se non siete fotografi professionisti per cui la qualità e l’affidabilità dev’essere un must, allora possiamo sicuramente pensare ad accessori di altre marche e risparmiare pur avendo ugualmente qualcosa che duri nel tempo se sappiamo gestirli al meglio. I flash consumano parecchie batterie e, quando le batterie sono in fase di esaurimento il tempo di ricarica si allunga fino a diverse decine di secondi. Meglio acquistare 8 batterie (nei flash si usano 4 stilo normalmente) ricaricabili da almeno 2000mAh e un buon carica batterie (io uso quello del link) a controllo elettronico con la possibilità di scarica e ricarica lenta (allunga la vita delle batterie e migliora le performance).

Rispondi