Milano Intorno – Giovani sguardi fuori dal centro. 122 scatti di giovani talentuosi

Fino al 23 giugno corso Vittorio Emanuele, via Dante, ma anche gli altri 8 Municipi di Milano mostrano l’anima più segreta della città di Milano. Questo è possibile grazie a Milano Intorno. Giovani sguardi fuori dal centro”, la mostra fotografica realizzata dagli studenti internazionali del Master in Fotografia RM Raffles Milano Istituto Moda e Design con il Partenariato del Comune di Milano122 scatti che racchiudono il significato dell’esplorazione condotta dagli allievi, per lo più non milanesi e in molti casi stranieri, che raccontano Milano con lo sguardo di chi non è nato nella città ma da Milano si è sentito accolto e ha scelto di iniziare un nuovo percorso, contagiato da un ambiente stimolante, variegato e sempre aperto al nuovo.

Gli autori delle fotografie, giovani provenienti da vari Paesi (Italia, India, Francia, Spagna, Brasile, etc…), hanno esplorato la città con entusiasmo e hanno cercato con curiosità di comprenderne e restituire anche i luoghi meno conosciuti e più periferici, i nuovi quartieri, le pieghe più nascoste e i centri di incontro e aggregazione.  L’obiettivo di questi ragazzi, cui Milano ha dato tanto, è trasmettere attraverso i loro scatti l’energia della metropoli, che si riflette – in diverse forme e con diverse modalità – nei tanti quartieri della città: negli edifici, nelle strade, nei parchi, negli oggetti e sui volti di tutti coloro che nel capoluogo lombardo vivono, lavorano e hanno trovato il giusto spazio in cui sentirsi non soltanto accolti, ma soprattutto valorizzati.

Le immagini, esposte in grande formato nel centro di Milano e diffuse anche in 8 Municipi, registrano la perfetta coesistenza nella città di tradizioni e nuove abitudini, sapienze artigiane e innovazione, spazi verdi e edifici moderni: raccolgono quindi la capacità di Milano di far convivere e dialogare culture, età, esigenze e ambizioni in apparenza tra loro lontanissime. Protagonista, tra gli altri, lo skyline milanese, dinamico e in continua trasformazione come la città, ma con la costante caratteristica di far sentire accolti tessuti sociali diversi, con la generosità e l’apertura a cui ci ha abituato la città di cui è simbolo.

Il talento dei giovani fotografi, incoraggiato dal confronto con realtà differenti e dall’esplorazione di scenari tecnici e culturali insoliti, ha restituito l’immagine di una Milano sempre più capace di affermarsi come ambiente stimolante attraverso il mondo dell’architettura, del design, della moda e della fotografia, da cui si ricevono input continui da diversi linguaggi, culture, idee.

“Gli scatti fotografici di questa mostra – dichiara Roberta Guaineri, assessore al Turismo del Comune di Milano – raccontano con immediatezza e passione tanti luoghi meno conosciuti e più periferici della nostra città e ben simboleggiano la sua natura in continua evoluzione e quindi il suo essere insieme di tradizioni e nuove abitudini. Ma soprattutto dimostrano come Milano possa essere accogliente e inclusiva, così come lo è stata con questi giovani fotografi provenienti da tutto il mondo”.

Per tutti è stato un viaggio bellissimo e tutti hanno compreso, con questo lavoro, la particolarità e la forza di Milano” – ha commentato Alessandra MauroCourse Leader Master in Fotografia di RM Raffles Milano Istituto Moda e Design – “Ma hanno compreso ugualmente quanto sia importante, per diventare fotografi, non smettere mai di meravigliarsi nella convinzione, come diceva Luigi Ghirri che “non c’è niente di vecchio sotto il sole” ma tutto di nuovo, di interessante, di degno di essere fotografato”.

Per i giovani fotografi Milano è diventata il loro posto nel mondo e descriverla attraverso la fotografia è stata un’emozionante sfida: l’hanno perlustrata sia di notte che di giorno, si sono meravigliati a scoprirne tutto il verde, gli spazi, le periferie e tutta la bellezza che la città ha da offrire e davanti a cui non ci si sofferma mai abbastanza.

I ragazzi del Master in Fotografia di RM Raffles Milano con questa mostra vogliono restituire tale bellezza alla città, ai milanesi e a tutti coloro che, anche solo per qualche mese, a Milano si sono sentiti a casa: grazie alla collaborazione con il Comune di Milano, hanno avuto la possibilità di rivestire con i propri scatti l’intero territorio urbano, dando vita ad una mostra diffusa che potrà, quindi, intercettare gli sguardi e i cuori di un numero elevatissimo di persone.

Abbiamo dato vita alla mostra diffusa Milano Intorno per una ragione precisa” – ha spiegato Pasquale VolpeCollege Director di RM Raffles Milano Istituto Moda e Design – “Milano dà tanto agli studenti fuori sede. È una matrice, un trampolino di lancio, un periodo che si stratificherà nella memoria come una delle stagioni più belle della vita. Milano come insieme è una macchina educativa formidabile, ed è giusto che questo valore sia riconosciuto e promosso. Così abbiamo chiuso il cerchio. I ragazzi e le ragazze beneficiano dell’effervescenza di Milano, assorbono stimoli, pratiche, idee a getto continuo. Noi come scuola siamo diventati tramite di una consapevolezza dello spirito del luogo. E dal punto di vista dello spettatore? Sono convinto che ascoltare lo sguardo dei giovani è sempre arricchente. Una città raccontata da sguardi giovani potrà imparare qualcosa di sé che forse le era sfuggito”.

MILANO INTORNO
GIOVANI SGUARDI FUORI DAL CENTRO
22 MAGGIO 2019 – 23 GIUGNO 2019
Installazioni in via Dante e corso Vittorio Emanuele (Municipio 1) e negli altri otto Municipi di Milano
Fotografie di: Costantinos Chiorri, Chiara Consolo, Sofia Correale, Diana Del Franco, Maneet Gogia, Rafael Ignacio Jacinto, Charlotte Valéerie Suzanne Lartilleux, Davide Mari, Ana Clara Muner, David Munoz Ortega, studenti del Master in Fotografia RM Raffles Milano Istituto Moda e Design.

Un commento

Rispondi