Canon EOS R – Risoluzione 8K in una mano

Forse il titolo è un po’ azzardato ma da recenti dichiarazioni di Yoshiyuki Mizoguchi (Executive ICB Products Group, Image Communication Business Operations diCanon) si apprende che il ventaglio di offerte coprirà fotocamere, e in questo caso parliamo della EOS R, e ottiche dedicate alla registrazione video in formato 8K.

Risoluzione video quindi da primato e che fino a “poco fa” era caratteristica da vera e propria macchina da presa per produzioni cinematografiche. In questo segmento ci sono produttori come RED, Panavision, Arri, Sony e alcuni altri ma parliamo di vere e proprie macchine da prese dai costi pazzeschi e dagli ingombri notevoli. Insomma è tutto un altro pianeta di cui ora non posso raccontarvi. Questo primato adesso si sta spostando verso corpi macchina compatti e trasportabili, alla portata di molti professionisti e produzione low-budget.

Riprendere in 8K vuol dire sostanzialmente due cose – Ottenere un video con maggiore definizione dei dettagli (è 16 volte il video FHD e 4 volte il 4K) e questo porterà ad avere maggiori informazioni e possibilità di montaggio ed elaborazione in fase di post, ma per contro vuol dire anche dotarsi di un registratore video esterno al corpo macchina, in grado di supportare flussi video di notevole dimensioni (in termini di spazio di archiviazione). Mettere assieme queste due cose significa dotarsi anche di un hardware adeguato in grado di supportare il flusso di lavoro in tempi ragionevoli.

Corpo macchina sì, ma anche ottiche specifiche al centro del discorso di Yoshiyuki Mizoguchi, come ad esempio  RF 24-105mm F4L; dotato di tecnologia di messa a fuoco Nano USM offre movimenti di fuoco morbidi e meccanicamente silenziosi. Siamo solo all’inizio è vero, ma la tecnologia evolve molto velocemente e i competitor non staranno di certo a guardare mentre io resterò a guardare un film, sul mio “vecchio” televisore, in FHD.

 

Rispondi